Home >> Laboratori sede di Siena

Laboratori

Sede di Siena

Personale

Didattica

Laboratorio di Antropologia (http://www.preistoria.unisi.it/lab4.html)

Responsabili: Prof. A. Galiberti, Dott. S. Ricci

Il laboratorio è destinato alla gestione e fruizione delle ricche collezioni osteologiche umane della Sezione di Preistoria, particolarmente notevoli per la ricchezza di crani, originali e riproduzioni, pertinenti a differenti tipi umani antichi. Il laboratorio è in grado di provvedere al restauro dei reperti ossei e di fornire ricostruzioni fisiognomiche dei diversi tipi umani, per studio ed esposizioni.

 

Laboratorio di Archeologia Ambientale (http://www.paesaggimedievali.it/lab_amb.html)

Responsabili: Dott. G. Di Pasquale (sezione di archeobotanica) e Dott. F. Salvadori (sezione archeozoologica)

Il laboratorio è dotato di attrezzature ottiche destinate principalmente allo studio dei carboni, che rendono possibile l'identificazione dei frammenti dell'ordine di 0,5 mm. Il Laboratorio attualmente è specializzato nella analisi di resti di legno, frutti, semi e resti vegetali in genere, carbonizzati e non. La sezione archeozoologica è attualmente impegnata nella costruzione di una raccolta di reperti di confronto e nella progettazione di uno strumento informatico per la catalogazione e l’elaborazione dei reperti archeozoologici finalizzato alla creazione del data base “Reperti osteologici animali”.

 

Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi e Telerilevamento (http://www.lapetlab.it)

Responsabile: Dott. Stefano Campana

L'Area di Archeologia Medievale dell'Università di Siena è attiva dal 1984 nel settore della fotografia aerea. Nel 2003 nasce il Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi e Telerilevamento con l'obiettivo di sperimentare nuove fonti di informazione e metodologie per l'individuazione, la diagnostica e il monitoraggio di siti e paesaggi archeologici. Tra i settori di maggiore interesse segnaliamo le problematiche connesse alla visibilità e allo studio di contesti tardo antichi, altomedievali e medievali.
Allo stato attuale di work in progress il processo di elaborazione della cartografia archeologica può essere ricondotto alle seguenti attività di ricerca:
- ricognizione di superficie
- ricognizioni aeree e fotografia obliqua
- lidar (in collaborazione con NERC, Airborne Research & Survey Facility, Gran Bretagna)
- fotogrammetria digitale (in collaborazione con Università di Lecce)
- immagini da satellite ad alta risoluzione
- fotografia aerea verticale (coperture storiche e recenti)
- geofisica estensiva e intrasite
- DGPS e sistemi mobile GIS (georeferenziazione e navigazione satellitare)
- analisi di contesti ceramici per la costruzione delle dinamiche insediative
- elaborazione di modelli diacronici per lo studio dei paesaggi storici

 

Laboratorio di Archeologia del Vicino Oriente (http://www.laboratorioavo.org)

Responsabile: Dott. Stefano Anastasio

Il laboratorio nasce con il compito di indagare aspetti della civiltà vicinorientale, applicando tecnologie basate preferibilmente su programmi open source per favorire l’adozione di strumenti di ricerca liberamente condivisibili. Svolge attività finalizzate sia alla ricerca che alla didattica, nell’ambito dei corsi di laurea triennale e specialistica di archeologia di Siena.
Nel campo della ricerca, sono sviluppati progetti incentrati soprattutto sullo studio della ceramica e della geografia storica delle regioni interessate. Nel campo della didattica vengono organizzati seminari, workshops, conferenze, oltre a sostenere le attività del corso di Geografia storica del Levante mediterraneo attivato presso la laurea specialistica di Archeologia. Ha sede nel Dipartimento di via Roma 56, presso lo studio A31.

 

Laboratorio di Archeologia Sperimentale (http://www.preistoria.unisi.it/lab3.html)

Responsabile: Prof. A. Galiberti, Dott.ssa N. Volante

Il laboratorio è dotato della strumentazione utile alla didattica per il riconoscimento, l'analisi e lo studio dei materiali litici, ceramici, ossei di età preistorica, con particolare riferimento alle tecniche di produzione dei manufatti antichi e a quelle di classificazione tipologica.

 

Laboratorio Archeometrico (http://archeologiamedievale.unisi.it/NewPages/lsaa/archeometrico.html)

Responsabile: Dott. G. Macchi

Il laboratorio è dotato di attrezzature ottiche per l'analisi dei campioni e di apparecchiature informatiche per trattare ed archiviare i dati raccolti. Si effettuano indagini ceramiche, archeometallurgiche e, indagini funzionali e archeometriche su reperti vitrei. Di recente il laboratorio si è dotato inoltre dell’apparecchiatura necessaria per preparare sezioni sottili dei campioni di ceramica da analizzare.

 

Laboratorio Ceramologico (http://www.archeo.unisi.it/pagine/lab01a.html)

Responsabile: Dott.ssa A. Pepi

Il laboratorio, situato presso l'edificio centrale dell'ex Ospedale Psichiatrico San Niccolò, ha in dotazione, oltre ai materiali e strumenti per la ricomposizione dei reperti ceramici, una propria attrezzatura informatica per l'acquisizione delle immagini in formato digitale. L'accesso è aperto a studenti, docenti e responsabili degli scavi per le attività didattiche collegate ai diversi insegnamenti archeologici e alle attività seminariali. Spazi e attrezzature sono inoltre a disposizione dei laureandi, dei dottorandi e dei borsisti che svolgono le loro ricerche nel campo della ceramologia o dei vetri antichi.

 

Laboratorio di Disegno

Responsabile: Dott.ssa C. Mascione

Le attrezzature sono costituite da due stazioni totali per le operazioni di rilievo e georeferenziazione direttamente sul campo, con registrazione automatica dei dati, un pantografo 1:20 per il rilievo di dettaglio, un tecnigrafo su piano luminoso formato A0, alcune tavolette grafiche e attrezzature per acquisizione digitale di immagini e stampa.

 

Laboratorio di Disegno dei materiali preistorici (http://www.preistoria.unisi.it/lab5.html)

Responsabili: Prof.ssa L. Sarti,  Dott.ssa Cristina Balducci

Il laboratorio di disegno è in grado di fornire una resa grafica della documentazione di scavo e dei manufatti archeologici, con particolare specializzazione per quanto riguarda il disegno dei materiali litici, ceramici e ossei tipici dei contesti di scavo preistorici.

 

Laboratorio di Etruscologia e Antichità Italiche

Responsabile: Dott. A. Ciacci

Il laboratorio è dotato di postazioni informatiche e di uno spazio di lavoro per gli studenti della materia. Il laboratorio è impegnato anche in stage di archeologia sperimentale all’aperto, sulla cottura della ceramica in fornaci di tipo preromano, condotto in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Terra e con la coop. 'Riuscita Sociale'.

 

Laboratorio Fotografico (http://www.archeo.unisi.it/pagine/lab01b.html)

Responsabile: F. Lucherini

Il Laboratorio Fotografico del Dipartimento di Archeologia e storia delle Arti, che collabora strettamente con la Fototeca, possiede un archivio di oltre 13.500 negativi bianco-nero di arte medievale, moderna e archeologia. E' in allestimento un archivio computerizzato dei negativi riguardanti la Sezione di Storia dell'Arte.

 

Laboratorio di Informatica applicata alla ricerca preistorica

(http://www.preistoria.unisi.it/lab1.html)

Responsabili: Dott. Pino Fenu, Dott.ssa Giovanna Pizziolo

Il laboratorio è dotato della strumentazione utile alle principali applicazioni in campo informatico, soprattutto nel campo della progettazione e gestione di database relazionali, GIS, repertori di immagini e altro materiale didattico ecc.

 

Laboratorio di Informatica applicata all’archeologia classica

Responsabili: Prof. E. Papi, Prof. E. Zanini

Le attrezzature in dotazione consistono in una serie di computer, alcuni dedicati alla modellazione tridimensionale delle immagini mentre le periferiche in dotazione sono destinate all'acquisizione, alla registrazione digitale e alla stampa dei dati elaborati.

 

Laboratorio di Informatica applicata all’archeologia medievale (LIAAM)

(http://www.paesaggimedievali.it/lab_liaam.html)

Responsabile: Prof. R. Francovich, Prof. M. Valenti

Nel laboratorio vengono adottate e sperimentate le ultime tecnologie nel campo delle realizzazioni multimediali, delle piattaforme GIS e dei database georeferenziati, oltre all’implementazione di efficienti servizi di rete. La dotazione permette di curare l'intero processo di trattamento del dato archeologico: dalla sua registrazione sul campo sino all'uscita sia per il grande pubblico sia per la comunità degli specialisti. La sede principale (locali A17 del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti) ha una ricchissima dotazione hardware (prevalentemente Power Macintosh), con una dotazione memoria Ram, nelle macchine di punta, stata espansa tra 256 e 1024 Mb, mentre le postazioni dedicate alla modellazione tridimensionale e all'animazione hanno avuto un significativo aumento della VRAM. Inoltre sono state inserite schede video per doppi monitor e schede video per il trattamento professionale di filmati (Picasso, ATI Rage 128 PD, Matrox RT Mac, ATI Radeon, GeoForce Nvidia). Completano la dotazione videoproiettori, camere digitali, stampanti laser, scanner e plotter, masterizzatori, macchine fotografiche reflex, oltre a una attrezzatura QTVR, tre stazioni totali e una stazione "Airport base station".

 

Laboratorio Multimediale

Responsabile: Prof. R. Francovich, Prof. M. Valenti

È una struttura destinata alla didattica e alla realizzazione di videoconferenze a distanza. Consiste in un'aula multimediale dotata di venti postazioni ( 8 iMac 400 Mhz, 8 iMac 500 Mhz e 2 PC Pentium IV 1.4 Ghz), un server su piattaforma MAC e un videoproiettore, tutti configurati per accedere ad Internet e alla rete Intranet locale.

 

Laboratorio di Informatica Applicata all'Iconografia e all'Iconologia

(http://www.labiconografia.org)

Responsabili: Prof. Michele Bacci, Prof. Fabio Bisogni, Dott. Raffaele Argenziano

Il LIAII (Laboratorio  di  Informatica Applicata all’Iconografia e all’Iconologia) svolge la sua attività dal 1992 avvalendosi delle competenze scientifiche in campo iconografico, storico-artistico, storico e di informatica sotto la diretta responsabilità del dottor Raffaele Argenziano. La direzione del Laboratorio  è affidata al professor Michele Bacci (Associato di Iconografia e Iconologia) e al professor Fabio Bisogni (Associato di Iconografia e Iconologia).

L’attività svolta all’interno del laboratorio ha permesso di porre in essere un cospicuo numero di progetti il cui fine è quello di fornire, grazie alle tecnologie più avanzate e al trattamento dei dati acquisiti sulle immagini oggetto principale di studio, la possibilità di consultare le banche dati costituite sia al vasto pubblico che agli specialisti del settore. Viene inoltre gestita la direzione e redazione di Iconographica Rivista Internazionale di Iconografia medievale e moderna, edita dalla Casa Editrice SISMEL Edizioni del Galluzzo, nonché l’organizzazione di Congressi di Iconografia e redazione degli atti relativi.

 

Laboratorio di Restauro

Responsabile: Dott.ssa F. Cavari

La dotazione consiste in una serie di attrezzature specializzate nell'intervento su vari tipi di materiali (ceramica, metallo, vetro, intonaci), mentre l'acquisizione delle immagini relative ai vari reperti prima, durante e dopo gli interventi di restauro avviene tanto in formato analogico che attraverso periferiche connesse a computer per l'informatizzazione digitale.

 

Laboratorio di Restauro e calchi dei materiali preistorici (http://www.preistoria.unisi.it/lab2.html)

Responsabile: Dott. S. Ricci

Il laboratorio è dotato della strumentazione utile per riprodurre (in gesso e in resina epossidica) i manufatti e i reperti ossei archeologici per uso essenzialmente didattico. Negli ultimi anni si sono acquisite, anche con corsi presso laboratori specializzati, competenze tali da permettere l'esecuzione di riproduzioni non solo di piccoli oggetti, ma anche di grandi superfici e di strutture rinvenute in scavi archeologici e di difficile conservazione (strutture di combustione, buche di palo, piani di calpestio...).

 

Fototeca (http://www.fototeca.unisi.it/)

Responsabile: dott. Roveno Batignani

La Fototeca in continuo accrescimento, dispone attualmente di circa 33.000 fotografie (bianco/nero e colore) di architettura, pittura, scultura, miniatura, oreficeria e stampe. Le fotografie, incollate su cartoncino e archiviate in contenitori funzionali alla consultazione, sono schedate con l’indicazione dell’autore, del soggetto e del luogo di collocazione; sono il frutto tanto di specifiche campagne fotografiche eseguite dal Laboratorio Fotografico del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti dell’Università di Siena quanto di collezioni private acquisite nel corso degli anni. E’ dotata di una propria attrezzatura per l’acquisizione e la digitalizzazione delle immagini. L’accesso e la consultazione sono aperti al pubblico.

Per informazioni: Stefano Anastasio