Home >> Laboratori sede di Siena >> Laboratorio di ceramologia

Laboratori

Personale

Didattica

Presso l'edificio centrale del San Niccolò è attivo dal settembre 2002 il nuovo Laboratorio Ceramologico del Dipartimento di Archeologia e Storia delle Arti. La stuttura è destinata a tutte le attività relative allo studio e alla valorizzazione dei reperti ceramici provenienti dagli scavi del Dipartimento. Annesso al laboratorio è il deposito dei materiali archeologici, prevalentemente ceramici, in corso di studio.
Con D.D.A. del 2003 è stata nominata responsabile del laboratorio la dott.ssa Alessandra Pepi.

Le attrezzature

Il laboratorio ha in dotazione una propria attrezzatura informatica oltre a materiali per lo stoccaggio e la schedatura dei reperti, strumenti per il disegno e la fotografia digitale. Sono in dotazione inoltre materiali per la ricomposizione dei reperti ceramici, bilancia di precisione, lampada a luce fredda, cappa aspirante.

 

Utenza

Il laboratorio è aperto agli studenti per le attività didattiche collegate ai diversi insegnamenti del settore archeologico, con particolare riguardo alle attività seminariali. Spazi e attrezzature sono inoltre a disposizione dei laureandi e dei dottorandi che svolgono le loro ricerche nel campo della ceramologia o dei vetri antichi. Vi lavorano infine anche borsisti occupati in attività correlate ai materiali indicati.

 

Attività

Le attività, di supporto alla didattica e alla ricerca, prevedono una prima fase di deposito dei materiali, poi classificati, disegnati e studiati durante le attività seminariali, sotto la guida di docenti incaricati o di responsabili degli scavi di provenienza. All'interno del laboratorio vengono inoltre classificati e studiati i reperti vitrei, anch'essi provenienti dagli scavi del Dipartimento. Contestualmente, alcuni reperti ceramici vengono ricomposti in funzione dello studio, della didattica, o per fini espositivi, quando la loro condizione non richieda l'intervento del Laboratorio di Restauro. E' in progressivo allestimento una collezione di manufatti ceramici che permetta di illustrare in concreto, durante le attività didattiche, le diverse classi tipologiche e le tecniche di fabbricazione. Tale collezione potrebbe in futuro costituire il primo nucleo di un Museo che documenti le attività del Dipartimento nei suoi oltre trent'anni di vita. Il lavoro svolto nell'ambito del Laboratorio è inoltre di supporto all'allestimento di mostre temporanee o esposizioni permanenti curate direttamente dal Dipartimento, o nelle quali esso sia a diverso titolo coinvolto.

 

Attività seminariali dell'anno 2007/2008

- Classificazione dei reperti ceramici provenienti dallo scavo del castello di Miranduolo (Chiusdino).

- Classificazione dei reperti ceramici provenienti dallo scavo di Cugnano (Monte Rotondo Marittimo).

- Classificazione dei reperti ceramici provenienti dallo scavo di San Genesio (San Miniato al Tedesco)

 

Ricerche e attività in corso:

- Attività di ricerca finalizzata alla costruzione del Museo virtuale della ceramica Senese (Arianna Luna).

- Studio sulla ceramica senese rivestita di ambito basso medievale e rinascimentale. Tesi di dottorato (Arianna Luna).

- Studio dei materiali provenienti dalla ricognizione topografica del territorio di Monteriggioni. Tesi di Laurea (Andrea Coccia)

- Studio dei materiali ceramici e vitrei provenienti dallo scavo della spiaggia di Baratti. Tesi di laurea. (Caterina Chiesa; Laura Pagliantini; Federica Galimberti; Luisa Zito; Fabiana di Rella. )

- Studio delle anfore provenienti dallo scavo della spiaggia di Baratti (Rosanna Salerno)

- Studio della ceramica proveniente dallo scavo della Pieve di Pava (Cristina Felici; Lorenzo Marasco; Francesco Petricci)

- Studio della ceramica altomedievale dallo scavo del Castello di Donoratico (Federico Cantini)

- Studio della ceramica proveniente dalla ricognizione topografica del territorio di Marsiliana. Tesi di laurea ( Carmine Sanchirico; Irene Contorni)

- Studio della ceramica proveniente dalla ricognizione topografica di Monterotondo Marittimo ( Elisabetta Ponta).

- Studio dei reperti ceramici da campagne di ricognizione, finalizzate alla redazione della Carta Archeologica della Provincia di Siena, effettuate presso San Giovanni d'Asso, San Quirico d'Orcia, Trequanda (Cristina Felici; Francesco Petricci), Montalcino, Castiglion d'Orcia (Stefano Campana), Monteroni d'Arbia (Francesco Pericci), Buonconvento (Filippo Cenni).

 

Ricerche concluse

- Studio dei reperti ceramici provenienti dallo scavo degli ambienti sottostanti il Duomo di Siena Tesi di laurea (Elena Giannini).

- Studio dei reperti ceramici provenienti dallo scavo di Montefiesole (Carlo Tronti, Elena Giannini, Valeria Acconcia, Veronica Semeraro).

- Studio della ceramica proveniente dallo scavo del castello di Montemassi (Francesca Grassi).

- Studio della ceramica proveniente dallo scavo di Rocchette Pannocchieschi (Francesca Grassi).

- Studio sulle produzioni ceramiche della Toscana meridionale (Francesca Grassi, tesi di dottorato).

- Studio di alcuni materiali ceramici provenienti dallo scavo di Populonia "Le Logge" (Maria Aprosio, Sandra Santoni).

- Studio dei materiali ceramici provenienti dalla ricognizione topografica del territorio di Marsiliana. Tesi di laurea (Alice del Re; Eleonora Baldini; Giulia Pieragnoli; Giulia Tofani; Simona Bimbi)

- Classificazione dei reperti ceramici provenienti dallo scavo dell'acropoli di Populonia e dalla ricognizione sul suo territorio. Responsabili: Valeria Acconcia e Lucia Botarelli.

- Seminario di studio sui reperti ceramici provenienti dallo scavo di Sansepolcro (Arezzo). Responsabile: Valeria Acconcia.

- Seminario di studio sui reperti ceramici dallo scavo del castello di Montemassi (Grosseto). Responsabile: Francesca Grassi.

- Classificazione della ceramica medievale proveniente dallo scavo di San Quirico presso Populonia (Arianna Luna).

- Studio della ceramica proveniente dallo scavo del Castello di Scarlino (Lorenzo Marasco, tesi di laurea).

- Classificazione e studio dei vetri romani provenienti dallo scavo di Torrita di Siena (Alessandra Pepi).

- Classificazione e studio dei reperti vitrei provenienti dallo scavo di Poggio Imperiale a Poggibonsi (Silvia Quattrini, tesi di laurea).

- Studio dei corredi delle sepolture della spiaggia di Baratti (Giovanni Camusso, tesi di laurea)

- Studio di reperti ceramici provenienti da alcuni ambienti del Santa Maria della Scala (Silvia Radicchi, tesi di laurea)

- Studio di materiali ceramici da ricognizione topografica, finalizzato alla redazione della carta archeologica della Provincia di Siena: Pienza, Murlo, Radicofani (Cristina Felici, Stefano Campana, Lucia Botarelli)

- Studio su parte della ceramica di Cugnano (tesi di Laurea, Aurora Mascagni)

- Studio sul trattamento dei reperti ceramici dallo scavo all’esposizione museale (tesi di laurea, Gaia Fabbricatore )

- Studio su alcune classi ceramiche provenienti dallo scavo del Santa Maria della Scala (Tesi di laurea, Mirko Picchioni)\

- Studio sui vetri antichi provenienti da alcuni saggi dello scavo del Santa Maria della Scala (Tesi di laurea, Sara Gramazio)

 

Collaborazione e supporto per esposizioni e mostre permanenti

- 2002/2003: "Fortezze utili secondo i tempi" presso il Parco Archeologico e tecnologico di Poggibonsi (Alessandra Pepi, Andrea Coccia)

- 2003/2004: Museo del Castello di Montemassi (Alessandra Pepi, Francesca Grassi)

- 2003/in corso: Museo della Ceramica Senese presso il Santa Maria della Scala (Alessandra Pepi, Arianna Luna)

- 2004: esposizione dei materiali provenienti dallo scavo di Rocchette Pannocchieschi (Alessandra Pepi, Francesca Grassi)

- 2007: esposizione temporanea “Con gli occhi del pellegrino” presso la Torre degli stipendiari a San Miniato di Pisa” (Alessandra Pepi, Federico Cantini)



Immagini del labotatorio (click per ingrandire)


Per informazioni: Stefano Anastasio